18.5.18

Crêpes dolci... senza zucchero, senza grassi aggiunti e senza glutine!



Di solito siamo portati a pensare che le crêpes siano un dolce troppo sostanzioso per essere inserito all'interno di una dieta ipocalorica.
Niente di più sbagliato!
Nella loro versione classica, le crespelle non contengono né zucchero né burro, ma solo latte e una piccola parte di farina e di uovo.
Ciò che fa la differenza (per le crêpes così come per tanti altri dolci, ça va sans dire) è ciò con le quali le farciamo.
Questa versione Nutella-free  ;-)  rappresenta un sano compromesso tra la voglia matta di godersi una colazione o una merenda golosa e la necessità di non doversi trovare ad affrontare eventuali sensi di colpa per le troppe calorie incamerate!






Lo zucchero non c'è né dentro né fuori: sono le fragole con il loro sughino e lo yogurt intero con la sua dolcezza naturale a rendere naturalmente dolci queste crêpes.
Io le ho servite con delle chips di cocco disidratato (che personalmente adoro e che con le fragole ed il sapore del grano saraceno stanno benissimo), ma voi potete usare ciò che preferite... anche nulla!
E quando la stagionalità non regalerà più fragole dolci e saporite, usate altri tipi di frutta!

Anche questa ricetta è studiata per l'appuntamento del venerdì con la rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Leggete la pagella nutrizionale di questa ed altre ricette direttamente sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram della nutrizionista e seguiteci per avere sempre a portata di mano i suoi preziosi suggerimenti e porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione!
Ogni venerdì scoprirete le ricette che vi proponiamo; rendeteci partecipi anche voi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette per vederle pubblicate sui nostri social!




CREPES CON FARINA DI GRANO SARACENO
CON SALSA ALLE FRAGOLE E YOGURT




per 6-7 crêpes

75 g di farina di grano saraceno
175 g di latte
25 g di acqua
1 uovo medio

per servire

una manciata di fragole dolci e mature
yogurt greco intero
chips di cocco, mandorle a lamelle, scaglie di cioccolato fondente...




Preparate la pastella: rompete le uova in una terrina, sbattetetele un po' con la frusta e cominciate ad aggiungere, alternando, la farina e il latte miscelato insieme all'acqua.
Mescolate fino a ottenere una pastella piuttosto liquida e liscia e lasciate riposare in frigorifero per almeno un'ora.

Cuocete le crêpes: pennellate una padella antiaderente (io ne ho usata una in finegres) con un goccio d'olio di oliva e riscaldatela a fiamma media.
Per una padella come la mia (dal fondo di 17 cm di diametro) vi conviene pesare una quantità di massimo 50 grammi di pastella (5 cucchiai da minestra) per volta: versate in una tazzina la dose esatta da gettare tutta insieme nella padella, in modo da averla pronta di volta in volta.

Fate "roteare" la padella per spargere uniformemente la pastella: il lato inferiore della crêpe sarà ben cotto quando i bordi esterni risulteranno ben increspati e dorati.



Girate la crespella (con le dita - se fate con attenzione e rapidità - o con una spatola) e cuocetela per 1 minuto anche dall'altro lato, finché anche questo non sarà ben dorato.




Ripetete l'operazione fino ad esaurimento della pastella, impilando le crêpes via via pronte l'una sull'altra.

Preparate la salsa di accompagnamento: tagliate a pezzetti le fragole e cuocetele quanto basta a far sì che caccino il loro sughino.
Distribuite un cucchiaio della salsa ottenuta al centro di ciascuna crêpe, quindi ripiegatele a metà su loro stesse una prima e una seconda volta, formando una sorta di ventaglio.

Servite le vostre crêpes con salsa di fragole a piacere e un bel cucchiaio di yogurt greco.


NOTE:

- Se non avete problemi di intolleranza al glutine, potete sostituire fino al 35% di farina di grano saraceno con farina "0" (che rende le crêpes più "elastiche" e resistenti a rompersi in cottura).

- Tenete presente che lo yogurt sostituisce la panna. Sceglietene uno che sia naturalmente dolce e non abbia un gusto tendenzialmente acidulo.


Nessun commento:

Posta un commento